Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Centenario della nascita dell’arch. A. Mezzedimi, conferenza di Jacopo Galli: “Aspirazioni e contraddizioni nel plasmare un'Africa cosmopolita: Arturo Mezzedimi nell'Etiopia imperiale”

Data:

29/06/2022


Centenario della nascita dell’arch. A. Mezzedimi, conferenza di Jacopo Galli: “Aspirazioni e contraddizioni nel plasmare un'Africa cosmopolita: Arturo Mezzedimi nell'Etiopia imperiale”

La conferenza è organizzata nell’ambito dell’Accordo di cooperazione culturale e scientifica tra l’IIC di Addis Abeba e l’Università Iuav di Venezia e in collaborazione con l’EiABC – Ethiopian Institute of Architecture, Building Construction and City Development (Università di Addis Abeba) per celebrare il centenario della nascita dell’architetto Arturo Mezzedimi (1922-2010).

La vita e la carriera di Arturo Mezzedimi (1922-2010) raccontano la singolare storia di un immigrato che si è conquistato un posto di primo piano nel suo Paese adottivo. La conferenza di Jacopo Galli (Dipartimento di Culture del Progetto, Università Iuav di Venezia) ricostituisce il percorso di un giovane geometra, divenuto architetto semi ufficiale dell’ultimo Imperatore etiope Hailé Selassié. Dal tirocinio negli ambienti della borghesia italiana di Asmara alla costruzione dei “doni di Selassié” all’Eritrea, Mezzedini riuscì in una straordinaria impresa: progettò la City Hall e l’Africa Hall (la prima sede dell’Unione Africana e attualmente la sede permanete dell’UNECA - United Nations Economic Commission for Africa), conferendo ad Addis Abeba il suo volto moderno di capitale morale del continente. La conferenza rivaluta Mezzedimi come l’esperto cosmopolita che seppe interpretare le ambizioni dell’Imperatore Hailé Selassié: unire la modernità europea alle affermate tradizioni etiopi. Un processo di contaminazione che portò l’architetto italiano ad interpretare la storia millenaria dell’Etiopia e le aspirazioni future,acquisendo una professionalità da autodidatta che gli permise di progettare e costruire oltre 250 edifici ad un ritmo impressionante.

Jacopo Galli (Crema, 1985) consegue la laurea in Scienze dell’Architettura presso l'Università degli Studi di Parma e la laurea specialistica in Architettura per la Sostenibilità allo IUAV di Venezia con una tesi sullo sviluppo della città di Bamako dal titolo “Hic Sunt Leones – Strategie sostenibili per la metropoli in divenire”. Ha conseguito il Dottorando di ricerca in Composizione architettonica presso lo IUAV di Venezia con una tesi dal titolo “Un manuale di regionalismo modernista per l'Africa tropicale - l'ambiente culturale delineato da Edwin Maxwell Fry e Jane Drew”. È ricercatore associato presso il Dipartimento di Cultura del Progetto dell’Università Iuav di Venezia.
Ha partecipato a esposizioni per istituzioni come la Biennale di Venezia, la Triennale di Milano ed il Festival dell'architettura di Parma e a workshop di architettura in Italia, Lituania e Perù. Nel 2014 ha curato la sezione architettura della mostra “Africa Big Change-Big Chance” presso la Triennale di Milano e a Bruxelles (CIVA). Ha pubblicato il libro “Arturo Mezzedimi. Architetto della Superproduzione” (con Benno Albrecht e Filippo de Dominicis) ed è stato project manager del progetto “Makoko Floating School II” di NLE Studio che ha vinto il Leone d'Argento alla Biennale di Venezia 2016.

Informazioni

Data: Mer 29 Giu 2022

Orario: Dalle 16:00 alle 18:00

Organizzato da : IIC, Universita` Iuav di Venezia

In collaborazione con : Amb. d'Italia, EiABC - AAU

Ingresso : Libero


Luogo:

EiABC (A-Hall) - AAU

545